Chimera

  • Alcol: 8,0%
  • IBU:
  • Luppoli:
  • Malti:

Descrizione

La storia di questa birra è stata abbastanza travagliata, all’inizio era molto diversa da come si presenta ora. Se dovessimo darle una definizione stilistica potremmo dire che assomiglia ad una Belgian Dark Strong Ale. In effetti le ispirazioni per questa birra mi sono venute dalle bevute (dentro e fuori dal Belgio) di molte birre, alcune delle quali risalgono a molto tempo fa quando ero ancora un ragazzino, e non mento se dico che le prime birre a suscitare in me l’interesse per questa meravigliosa bevanda furono proprio simili alla Chimera di oggi. È un po’ come inseguire un’illusione di cui ci si è innamorati tanto tempo fa vagheggiando nel passato, trovando al risveglio la consapevolezza che è proprio nella ricerca dei sogni che si realizza l’immortalità dello spirito. Questa birra è molto complessa e si presta molto bene all’invecchiamento; le migliori sorprese le ho avute da bottiglie di Chimera conservate a temperatura ambiente per oltre 3 anni, dove gli spigoli si erano smussati, la frutta emergeva con grande classe e la terziarizzazione (ossidazione) dei malti caramelli apportava sontuosità: davvero una bevuta d’altri tempi!

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.